Centrale Polifunzionale Modello 1019

Centrale Polifunzionale Modello 1019

Centrale Polifunzionale Modello 1019
Centrale Polifunzionale Modello 1019

La Centrale Polifunzionale Modello 1019 è realizzata su meccanica modulare in rack da 19″ con la possibilità di inserire schede per la gestione I/O di sistemi Fire & Gas – loop di rivelazione, bus 485, bus 4-20 mA, linee convenzionali da 1 a 8 zone, open collector e/o relè 16 uscite, ingressi digitali, comando per sistemi di spegnimento automatico- e per il controllo di sistemi antintrusione, videosorveglianza e controllo accessi mediante bus seriali di sicurezza dedicati. La centrale 1019 è dunque una sistema polifunzionale, in grado cioè di gestire simultaneamente sistemi di sicurezza antincendio, antintrusione e videosorveglianza con un’unica CPU.

Ciò offre diversi benefici:

– Si evita l’installazione di centrali separate per la gestione dei singoli sistemi elettronici di sicurezza, riducendo i costi derivanti dalla moltiplicazione delle unità di controllo (CPU), dei moduli di ingresso/uscita, delle interfacce di supervisione, dei sistemi di alimentazione, delle apparecchiature di trasmissione a distanza delle segnalazioni di allarme, ecc.;

Interfacciamento

Si rende possibile l’interfacciamento tra i diversi sistemi di sicurezza. In fase progettuale la Centrale Polifunzionale Modello 1019 unica nel suo genere consente di ottenere le seguenti prestazioni:

a) Visualizzare a pieno schermo su uno o più monitor simultaneamente l’immagine di una o più telecamere installate in corrispondenza di una zona in cui si è avuto un allarme incendio, l’intervento dell’impianto di estinzione automatica, un allarme di intrusione, un tentativo di manomissione delle apparecchiature, ecc. con memorizzazione delle immagini di allarme su una partizione dedicata del videoregistratore digitale;

b) Comandare diverse telecamere dome contemporaneamente per inquadrare una zona corrispondente ad un avvenuto allarme incendio, intrusione, manomissione, un guasto tecnologico, ecc.

c) Gestire in maniera integrata il sistema di rivelazione fumi e spegnimento incendi (secondo uno schema logico definibile in base a specifica) e il sistema di antintrusione e videosorveglianza secondo logiche complesse – rivelazione di movimento direzionale delle telecamere combinata al segnale di allarme dei rivelatori antintrusione, rivelazione di movimento direzionale di più telecamere, gestione della videoregistrazione su fascia oraria dell’impianto antintrusione, gestione integrata degli eventi di anomalia o di sabotaggio dei sistemi, ecc.c)

d) Supervisionare tutti i sistemi di sicurezza con il medesimo software grafico, consentendo all’operatore di individuare tempestivamente qualunque evento relativo ai sistemi e mettere in atto prontamente le necessarie misure d’intervento.

IL SISTEMA MODULARE

IL sistema modulare

unità di controllo e di comando

Si riducono gli oneri di manutenzione dei sistemi derivanti dall’installazione di molteplici unità di controllo e di comando ( e quindi di apparecchiature hardware che possono subire guasti) consentendo di ridurre il numero di interventi sugli impianti.

è un sistema modulare che consente di ospitare da 1 a 10 rack con 13 posti scheda garantendo l’ampliamento futuro degli ingressi e delle uscite del sistema rispetto a qualunque sottosistema di sicurezza gestito ( rivelazione incendio, spegnimento automatico, antintrusione e videosorveglianza) con il semplice inserimento e programmazione di una o più schede rack.

La centrale 1019

La centrale 1019

inoltre, La centrale 1019 è un sistema conforme alle normative costruttive di riferimento:

-Normativa Europea EN 54-2:2007 ” Fire detection and fire alarm systems – Control and indicating equipment.

-Normativa CEI 79-2: ” Impianti antieffrazione, antintrusione, antifurto e antiaggressione. Norme particolari per le apparecchiature.

Da un punto di vista normativo, si sottolinea inoltre che la centrale 1019 ha un sistema di alimentazione certificato secondo la direttiva EN 54-4; divenuta cogente a seguito della Comunicazione della Commissione nell’ambito  dell’applicazione della direttiva 89/106/CEE del Consiglio, del 21 dicembre  1988; relativa al ravvicinamento  delle disposizioni legislative; regolamentari e amministrative degli Stati membri concernenti i prodotti da costruzione pubblicata il 13/12/2006. In aggiunta a questo, l’alimentazione 220v è filtrata da un  gruppo di continuità on-line doppia conversione, mediante il quale carico viene sempre alimentato dall’UPS, garantendo una perfetta stabilità della tensione e della frequenza in qualsiasi condizione anomala di rete ( sovratensioni, microinterruzioni) con tempo di intervento zero in mancanza di essa.

CPU di controllo

CPU di controllo

Altra caratteristica peculiare della centrale 1019 è la ridondanza della CPU di controllo. La centrale dispone infatti di due schede CPU programmate con il medesimo software di configurazione. Nell’eventualità di guasto non è necessario alcun intervento sulla centrale ma la semplice estrazione di una CPU e il riavvio del sistema; che ritorna a funzionare senza richiedere ulteriori operazioni. Tale caratteristica vincente aumenta da un lato l’affidabilità della centrale – il “mean time between failure”; il tempo medio stimato tra due successivi potenziali guasti, è infatti di 55.950 ore; con un “mean time to repair”, tempo medio di attesa per il ripristino del sistema in caso di guasto, di solo quattro ore-, dall’altro consente di avere il sistema perennemente in funzione.

La ridondanza delle CPU comporta inoltre la ridondanza della comunicazione seriale con protocollo TCP/IP essendo le CPU dotate di interfaccia Ethernet 10/100 Mbps. – disponendo dunque di doppia supervisione grafica (cioè medesimo software ma comunicazione su due linee indipendenti).

Infine, La centrale 1019 è un sistema multi-interfaccia. Essa è provvista di comunicazione seriale su interfaccia Ethernet integrata sulle CPU e su interfaccia seriale con porta 9 pin; e di comunicazione Modbus verso DCS (distributed control system) in aggiunta all’interfaccia I/O sulle schede rack modulari.

torna a wikifire